Menu Chiudi

Malvasia, tanti vitigni per un vino unico

malvasia-calice
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

0
(0)

Forse parlare di Malvasia non è poi così giusto. Infatti con questo termine si indicano più vitigni, quindi il nome esatto risulterebbe essere Malvasie. Si tratta di un vitigno distribuito in tutto su tutto il territorio italiano e che presenta caratteristiche differenti in base alla provenienza. Esiste anche una versione rosa, ottenuta da una mutazione genetica naturale della Malvasia di Candia.

Abbinamenti e caratteristiche del vino Malvasia

Oltre ad essere un vitigno molto versatile, dà la possibilità di creare vini dall’ampio spettro di caratteristiche. Dalla dolcezza della Malvasia di Candia, fino ai toni più neutri della Malvasia del Chianti. Una Malvasia secca si abbina perfettamente con piatti delicati, formaggi poco stagionati e salumi dolci dal sapore non preponderante. Una Malvasia dolce e aromatica si accompagna a dolci, a frutta fresca, ma anche ad abbinamenti un po’ più spinti come prosciutto e melone o formaggio e miele, mantenendo quindi una componente dolce all’interno del piatto. Oggi esistono 17 varietà si Malvasia e si collocano lungo la penisola italiana dall’Emilia, fino alla Puglia, senza tralasciare le isole. Ad ogni zona appartiene una varietà differente che si scosta dalle altre per sapori ed odori.

Una storia antica e curiosa

Le origini del vitigno Malvasia sono molto antiche. Lo testimonia anche il nome, che deriva da un porto collocato nel Peloponneso: Monemvasia. Era il centro dei commerci con l’Italia, dove venivano importati i vini dolci di Candia, quella che ora si conosce col nome di Creta. Una volta arrivati nei porti di Genova e di Venezia, i vini non tardarono a conquistare tutto l’Italia.  Quando i Turchi conquistarono quel territorio di Grecia, però, la produzione di questi nettari subì un blocco. Questo evento fece si che vennero importati direttamente i vitigni in modo da poter produrre loro i vini in maniera autonoma. Diffondendosi nel territorio italiano, la Malvasia iniziò a subire mutazioni per adattarsi ai climi e ai suoli differenti.

E' stato utile questo post?

Valuta il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Non ci sono ancora valutazioni! Sii il primo a valutarlo!


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Badge di fiducia